Galleano | Sentenza Carratù della Corte europea
15891
post-template-default,single,single-post,postid-15891,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1200,qode-theme-ver-99.1.1,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive

Sentenza Carratù della Corte europea

Sentenza Carratù della Corte europea

Art. 32 Collegato lavoro (legge 183/2010)


La Corte europea ha depositato la sentenza Carratù nella causa di cui più volte si è parlato in questa sezione.

Si segnala che, poiché tale decisione è strettamente connessa ad altra resa sempre dalla Corte europea, il relativo commento è stato unificato in un unico intyervento nel settore “pubblico impiego” al quale si rinvia:

• Corte di Giustizia UE – Le pronunce Carratù (art. 32 collegato lavoro) e Papalia (art. 36 D.Lgs. 165/2001 sul risarcimento del danno per l’utilizzo abusivo dei contratti nel pubblico impiego) – Il default (solo?) giuridico dello Stato italiano

Roma, 21 gennaio 2014.

Sergio Galleano