Galleano | Varie
15481
page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,page,page-id-15481,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1200,qode-theme-ver-99.1.1,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive

Varie

Varie

L’attività dello studio non si esaurisce ai settori evidenziati nella home page, ma si estende a tutte quelle situazioni, direttamente od indirettamente connesse al mondo del lavoro, ma non solo, in cui sono in gioco i diritti individuali.
In una situazione storica in cui gli assetti istituzionali nazionali si vanno, pur con fatica, fondendo inevitabilmente con il nuovo sistema del diritto europeo, particolare attenzione è data all’evoluzione giurisprudenziale delle Corti di Lussemburgo e di Strasburgo.
Si tratta di un passaggio storico, anche perché comporta che il farraginoso e complicato sistema della regolazione dei diritti nel sistema giuridico italiano, che si perde e si scompone in una miriade di leggi e leggine che si accavallano tra loro, spesso in modo incoerente, moltiplicando le difficoltà di interpretazione anche per i più esperti di diritto (basta pensare alla produzione compulsiva del legislatore dell’emergenza degli ultimi anni nel diritto del lavoro), dovrà piano piano convertirsi ad una struttura più semplice, molto vicina a quella dei paesi nordici, dove la legislazione è più facile ed efficace, limitata all’affermazione di pochi ma fondamentali diritti, interpretati in modo più incisivo e comprensibile anche per i cittadini, che sono poi i reali fruitori del sistema legislativo, da una magistratura libera dai condizionamenti del potere dello Stato e delle imprese pubbliche.
La semplificazione del sistema delle leggi – a cui si spera si affianchi al più presto quella dell’ordinamento giudiziario, anch’esso inutilmente frammentato da giurisdizioni e competenze del tutto incomprensibili ai più – sarà anch’essa oggetto di analisi in questo settore, dove saranno anche ospitati gli interventi di chi vorrà collaborare.
Diritti, dunque, alla cui tutela si deve dedicare chi dell’avvocato ha ritenuto di fare un mestiere che ha scelto e che è soddisfatto di svolgere, nell’interesse di tutta la società.